Consumatori

Aeroporto Trapani-Birgi tartassato dalle cancellazioni Ryanair, facciamo chiarezza sui rimborsi

aeroporto-Trapani-Birgi-cancellazioni-Ryanair-rimborso-passeggeri

L’Aeroporto Vincenzo Florio di Trapani-Birgi è di certo uno degli scali aeroportuali più colpiti dal caos generato dalle innumerevoli cancellazioni di voli annunciati da Ryanair a partire dal mese di settembre 2017.

La compagnia aerea low cost irlandese ha da poco annunciato che da Novembre e fino ad Aprile del 2018 saranno eliminati dal calendario dei voli altre 34 tratte e di queste ben 7 riguardano l’aeroporto trapanese, si tratta dei voli:

  1. Trapani – Baden Baden

  2. Trapani – Francoforte

  3. Trapani – Genova

  4. Trapani – Cracovia

  5. Trapani – Parma

  6. Trapani – Roma Fiumicino

  7. Trapani – Trieste

Ryanair ha motivato tale riduzione di voli attraverso una nota ufficiale nella quale spiega che il fine è quello di eliminare il rischio di nuove cancellazioni inattese.

La compagnia aggiunge inoltre che ai passeggeri coinvolti da questa riduzione di voli è stata inviata una mail con un largo anticipo rispetto al volo in programma in cui veniva offerto il pieno rimborso del costo del biglietto insieme ad un buono da 40 euro per acquisto di altro biglietto (valore raddoppiato in caso di andata e ritorno) oppure la riprotezione su un volo alternativo.

È certo però che i disagi subiti dai passeggeri di questi voli tagliati dal calendario non si fermeranno qui, tutti noi sappiamo quanto difficile potrebbe diventare trovare dei nuovi biglietti da e per Trapani a ridosso di Dicembre e quanto possono lievitare i costi dei biglietti in questo periodo rivolgendosi ad altre compagnie aeree.

A tal fine crediamo sia doveroso fornire informazioni più dettagliate agli utenti e per far ciò abbiamo chiesto una consulenza allo staff legale di EasyRimborso.it, azienda leader nel settore dei rimborsi e risarcimenti per disagi subiti a causa di voli aerei cancellatied in ritardo.

Abbiamo fatto per voi alcune domande allo scopo di gettar luce sulla questione e permettere ai passeggeri di questi voli di orientarsi al meglio in questo caos.

  • Ryanair ha comunicato che offrirà il rimborso pieno del costo del biglietto più un buono da 40 euro oppure la riprotezione su un altro volo disponibile, si ha comunque diritto ad un risarcimento o rimborso? – EasyRimborso.it: Si, nel caso in cui la compagnia comunichi della cancellazione con meno di due settimane di preavviso.

  • A quanto ammonta il risarcimento? – EasyRimborso.it: L’importo del rimborso, varia in base alla tratta ed è compreso tra i 250 e i 600 Euro (diritto alla compensazione pecuniaria).

  • In quali casi cessa il diritto alla compensazione pecuniaria? – EasyRimborso.it: tale diritto cessa quando la compagnia aerea dimostra che la cancellazione del volo è causata da circostanze eccezionali (avverse condizioni meteorologiche, allarmi per la sicurezza, scioperi, etc.); tale diritto cessa anche se il passeggero è stato informato della cancellazione voli:

  1. con almeno due settimane di preavviso;

  2. nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima della data di partenza e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di due ore prima rispetto all’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo quattro ore dopo l’orario originariamente previsto;

  3. meno di sette giorni prima e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di un’ora prima dell’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo due ore dopo l’orario originariamente previsto.

È importante sottolineare che il pagamento della compensazione non impedisce ai passeggeri di effettuare una richiesta di rimborso del danno ulteriore, soggettivo, subito a causa del disservizio

Il termine entro il quale è possibile richiedere il rimborso è 2 anni dall’avvenuta cancellazione del volo

  • La compagnia non mi riprotegge su un altro volo, quali sono i diritti del passeggero? EasyRimborso.it:Se la compagnia che ha cancellato il volo non riprotegge (cioè non riprenota sul primo volo disponibile o in una data successiva), deve garantire il diritto alla compensazione pecuniaria (tra 250 e 600 euro) e deve rimborsare il costo del biglietto aereo. Inoltre, oltre al rimborso volo cancellato, qualora fosse possibile concordare un ricollocamento in altro volo, la compagnia aerea deve fornire i seguenti servizi:

  1. pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa;

  2. adeguata sistemazione in albergo nel caso in cui siano necessari uno o piu’ pernottamenti;

  3. trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione e viceversa;

  4. due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o mail.

  5. Nel caso in cui la compagnia non dovesse fornire tali servizi, TUTTE LE SPESE SOSTENUTE E CERTIFICATE (conservare tutti gli scontrini!) dovranno essere rimborsate!

Ulteriori danni e disagi causati dalla cancellazione

Se il volo cancellato ha procurato ulteriori danni o disagi è possibile agire per ottenere il risarcimento dei danni subiti conseguentemente. In questi casi è molto importante conservare tutte le ricevute, fatture e ticket che possono essere utilizzati per dimostrare/quantificare il danno subito.

Atterraggio presso altra destinazione

Se la compagnia, per cause di forza maggiore dovesse decidere di atterrare in un aeroporto diverso da quello previsto, i passeggeri hanno il diritto ad essere trasportati (A TOTALE CARICO DELLA COMPAGNIA STESSA) fino all’aeroporto di arrivo inizialmente previsto. In caso contrario, tutte le spese sostenute per raggiungere l’aeroporto dovranno essere rimborsate.

  • Come fare per ottenere il giusto rimborso? EasyRimborso.it: è necessario conservare il biglietto(basta anche l’e-mail di conferma della compagnia aerea dove sia leggibile il numero del volo, la tratta e l’ora di partenza), la boarding pass, e gli eventuali scontrini e fatture  dei beni di prima necessità consumati a causa della cancellazione del volo. Vanno conservati anche scontrini e fatture relativi a costi sostenuti a causa della cancellazione o arrivo in aeroporto diverso da quello della tratta originaria.

Articolo letto 481 volte

Condividi l'articolo
In alto