Sport

Agrigento si aggiudica il derby siciliano per 64 a 62

IMG_2457

Al Pala Moncada va di scena un combattutissimo derby siciliano vinto da Agrigento 64-62. I padroni di casa partono fortissimo sorprendendo Trapani che non riesce a trovare le chiavi del match. Nell’ultimo quarto, però, i ragazzi di Parente, grazie alla difesa, ricuciono lo strappo e riescono anche a portarsi in vantaggio. In un ultimo minuto in cui entrambe le squadre ricorrono al fallo sistematico, Agrigento è più precisa e vince con merito nonostante Bossi abbia avuto tra le mani la palla della potenziale vittoria. La Moncada manda 4 giocatori in doppia cifra, Trapani 5. Agrigento raggiunge Trapani a quota 26 punti in classifica ma non riesce a ribaltare la differenza canestri.

1°Quarto: Daniele Parente schiera Jefferson, Testa, Ganeto, Perry e Renzi. Ciani risponde con Ambrosin, Evangelisti, Williams, Zilli e Cannon. Il primo canestro lo segna Ambrosin dai 6.75 a cui segue il gioco in post di Cannon. Renzi sblocca il tabellone granata da sotto ma Williams risponde con un arresto e tiro dalla media. Ambrosin realizza ancora dalla distanza prima della schiacciata di Zilli che costringe Parente alla prima sospensione: 12-2 a 6’30’’ dalla fine della frazione. Renzi realizza dopo un tiro libero di Cannon ma Evangelisti risponde subito con una bomba (16-4). Cannon realizza in transizione prima della tripla di Ganeto (18-7). Williams realizza dopo il libero di Cannon ma Trapani risponde con la seconda tripla di Ganeto (21-10). Ganeto concretizza un 2+1 prima del canestro di Renzi dalla media: 21-15 quando manca 1’30’’. Botta e risposta tra Zilli e Bossi: finisce 23-17.

2°Quarto: Il primo canestro è di Ambrosin ma Ganeto risponde con 4 punti consecutivi: 25-21 e time out Ciani. Agrigento realizza 4 punti con Ambrosin ed Evangelisti, prima della tripla di Williams: 32-21 e time out Parente a 4’ dal termine. Ganeto fa 2/2 dalla lunetta prima del canestro di Cannon. Il tiro libero di Jefferson precede il 2+1 di Pepe ma lo stesso Jefferson risponde con una tripla che vale il 37-26. Ancora Pepe segna in penetrazione prima dei 2 punti di Ganeto. Nell’ultimo minuto non segna nessuno: 39-28 al 20’.

3°Quarto: Il primo canestro è di Perry ed è una tripla. Ancora Perry trasforma un 2+1 riportando Trapani sul -5 (39-34). Pepe realizza dalla media prima dell’ 1/2 dalla lunetta di Evangelisti (42-34). Gli arbitri sanzionano un fallo antisportivo ad Evangelisti e Perry fa 2/2 ai liberi. Agrigento conclude un parziale di 4-0 che costringe Parente al time out: 46-36 a 4’ dal termine. Cannon realizza da sotto prima dei 2/2 dalla lunetta di Renzi e Bossi (48-40). Zilli trasforma 2 liberi così come Jefferson ed Ambrosin. Nell’ultimo minuto c’è tempo per la tripla di Bossi: 52-45 al 30’.

4°Quarto: Il primo canestro è di Jefferson ed è una tripla. Viglianisi fa 1/2 dalla lunetta ma il canestro di Perry vale il -1: 52-51 a 7’ dalla fine. Jefferson segna da 3 regalando il primo vantaggio a Trapani (52-54) ma Pepe ritrova subito la parità a quota 54. Ancora Pepe trova un canestro dai 6.75 prima del 2/2 dalla lunetta di Renzi (57-56). Il long-two di Bossi vale il 57-58 ma Agrigento realizza con Zilli il nuovo vantaggio (59-58). Cannon appoggia da sotto il 61-58: time out Parente a 36’’ dal termine. Bossi segna in penetrazione (61-60). Williams realizza 2 liberi a 18’’ dalla fine: 63-60 e time out Parente. Bossi fa 2/2 dalla lunetta: time out Ciani a 7’’ dalla fine. Pepe fa 1/2 dalla lunetta ma Bossi, sulla sirena, sbaglia l’appoggio della possibile parità: finisce 64-62.

DICHIARAZIONI IN SALA STAMPA

Daniele Parente (Coach Lighthouse Trapani): “Ci aspettavamo una partita come questa: nervosa ma corretta. Complimenti ad Agrigento che ha condotto per 33 minuti ed ha vinto con merito. Il nostro rammarico è quello di avere regalato i primi 15 minuti agli avversari con un approccio sbagliato. Nonostante questo i ragazzi con abnegazione sono riusciti a rientrare giocandosi un finale punto a punto”.

Franco Ciani (Coach Moncada Agrigento): “Partita dai due volti. Nella prima parte abbiamo dominato mentre, nella seconda fase, la partita si è fatta molto fisica ed abbiamo sofferto. E’ stata una partita da playoff, intensa ed aggressiva, ed entrambe le squadre volevano vincere. Sono contento della difesa visto che abbiamo costretto i nostri avversari a dei tiri difficili”.

Condividi l'articolo
In alto