Lifestyle

CIVES porta nelle scuole un approccio informativo sulla differenziazione dei rifiuti

cives-logo

Anche quest’anno Cives porta avanti il suo Progetto “Ambiente Pulito“ iniziato già nel 2015 e proseguito la scorsa stagione con la diffusione ed affissione presso le attività commerciali e le stazioni balneari, di locandine e manifesti riportanti i tempi di biodegradabilità degli oggetti dispersi nell’ambiente.

Il manifesto, che vuole essere un piccolo monito per dissuadere i nostri concittadini dal gettare per terra beni di consumo ed uso quotidiano, è l’incipit di una più ampia azione di sensibilizzazione sociale per il rispetto e la tutela dell’ambiente.

Il Movimento Cives ha così ottenuto la collaborazione di alcuni plessi scolastici, primo per adesione l’istituto comprensivo statale “Livio Bassi – Simone Catalano”, che hanno aperto le proprie classi al progetto “Educazione Ambientale

Questo progetto, la cui realizzazione è stata affidata dal direttivo del movimento alle cure della Psicologa Marilena Peraino, porta nelle scuole un primo approccio informativo e formativo verso la differenziazione dei rifiuti.

Un’attività di laboratorio, durante la quale gli alunni si sperimentano ecologisti della propria classe apprendendo i rudimenti della raccolta differenziata – seguita da un forum tematico e dalla visione di 4 cortometraggi, come strumenti prescelti per iniziare un percorso educativo nelle scuole e fuori dalle stesse, si che i giovani sviluppino un senso di responsabilità e rispetto verso l’ambiente.

Da qui la necessità di realizzare e distribuire delle brochure esplicative del progetto e contenenti consigli utili per differenziare i rifiuti, come il prezioso vademecum da leggere e utilizzare.

Condividi l'articolo
In alto