Eventi

Festival della Sociologia a Trapani

PLATEA

Anche la città di Trapani ha dato il suo contributo in occasione della settimana nazionale della sociologia, dal 13 al 20 ottobre in tutta Italia, durante la quale scuole e luoghi pubblici si aprono alla sociologia.

Grazie all’iniziativa diretta e coordinata dalla prof.ssa Ignazia Bartholini, nella giornata di venerdì scorso ha realizzato il “Festival della Sociologia”, con un doppio appuntamento mattina e pomeriggio, per spiegare attraverso gli strumenti propri di questa disciplina come creare politiche sociale di inclusione, di rispetto dell’alterità di cittadinanza partecipata a partire dalle sue nozioni e dai suoi modelli. Per Trapani la valenza dell’iniziativa è stata particolarmente significativa considerando la centralità nel Mediterraneo che è incrocio di culture, di flussi di migranti, in un interscambio continuo tra noi e gli altri.

Ad animare il programma sono stati la stessa  Ignazia Bartholini, docente di Politiche Sociali presso l’Università di Palermo, con i colleghi Giovanni Frazzica, docente di Sociologia politica presso l’Università di Palermo;  Gaetano Gucciardo, docente di Sociologia presso l’Università di Palermo; Mario Giacomarra, docente di Sociologia della Comunicazione presso l’Università di Palermo. La platea, presente al Polo Universitario di Trapani, era composta dagli studenti delle classi quarte e quinte dell’Istituto Sciascia di Erice, dell’Istituto per i servizi socio sanitari Bufalino di Trapani, del Magistrale Rosina Salvo e dell’ Alberghiero di Erice, che hanno dialogato con i giornalisti Maurizio Macaluso, Ornella Fulco e  Antonella Lusseri.

La location del pomeriggio è stato il centro polifunzionale per l’integrazione degli stranieri, gestito dalla cooperativa Badia Grande che ha coinvolto all’incontro i ragazzi impegnati nel servizio nazionale civile. Si è trattato di un ulteriore occasione per consolidare quella strategia di cooperazione con le realtà territoriali che è alla base di un’efficace operatività per lo sviluppo della città.

Condividi l'articolo
In alto