News

Si conclude il progetto “l’Atelier del mare” patrocinato dall’AMP Isole Egadi

atelier-del-mare

Si è svolto a Favignana, i giorni 6 e 7 aprile, il progetto di educazione ambientale “L’atelier del vento”, patrocinato dall’AMP “Isole Egadi” e organizzato dall’Associazione Culturale “Sensi Creativi”, co-organizzatrice del Festival Internazionale degli Aquiloni “Emozioni a naso in su!”.

La manifestazione prevedeva il coinvolgimento di tutti i bambini della scuola primaria di Favignana nel Laboratorio didattico di costruzione dei cosiddetti “Giardini del vento”, riutilizzando materiali riciclati, e di aquiloni, e nella esibizione degli aquiloni nella spiaggia della “Praia”.
L’idea progettuale è quella di offrire un’esperienza didattica divertente, attraverso la creazione di laboratori articolati in una fase teorica ed una pratica. I giardini del vento si compongono di installazioni (girandole, bandiere, giocattoli eolici, etc…), composte riutilizzando materiali leggeri che si muovono con il vento. Per la loro realizzazione i bambini hanno utilizzato materiale rinvenuto sulle coste dell’isola, trasportato dal mare, oltre a vecchie lenzuola, sacchi della spazzatura di colori vari, nastro adesivo, aghi e filo da cucire, secchi e bacinelle, coloranti naturali, acqua calda e colori a tempera acrilica. I partecipanti sono stati affiancati da un team di esperti, che ha spiegato a ciascuno le tecniche di creazione dei “giardini del vento” e di costruzione degli aquiloni, con l’obiettivo di stimolarne la creatività e di sensibilizzare i giovani partecipanti al rispetto dell’ambiente, ad un uso responsabile delle risorse naturali ed u riutilizzo, ove possibile, dei materiali di risulta, ancorché rinvenuti sulle coste, restituitici dal mare.
Le fasi conclusive del progetto sono state la giornata “Energia e Natura”, svoltasi con la consulenza di Ignazio Billera, che ha aiutato i partecipanti a conoscere il vario utilizzo degli aquiloni, e la giornata “En Plein Air”, dove i bambini hanno potuto far volare gli aquiloni da loro stessi costruiti e posizionare le installazioni eoliche realizzate con “I Giardini del Vento”.

Condividi l'articolo
In alto